In The ClosetScarpe

HOKA ONE ONE CLIFTON

By 19 novembre 2014 87 Comments
Clifton_Ev
Grip
80%
Confort
90%
Stabilità
80%
Chiusura
90%
Traspirabilità
95%
Design
85%
Durabilità
75%

DSC_5139

Annunciate come una delle novità più interessanti di casa Hoka per questa stagione, le abbiamo studiate, provate e massacrate. Stiamo parlando delle nuovissime Clifton, una new entry nel panorama Hoka che sicuramente farà discutere. Il nostro Mirco di Ginetto Sport ce le ha messe gentilmente a disposizione e la voglia di provarle era veramente molta. Vi state chiedendo il perché? Innanzitutto perché non si tratta solo di una versione più o meno ammortizzata del noto marchio, ma dell’introduzione nella gamma della casa francese di una nuova tipologia di scarpa e a un prezzo assolutamente concorrenziale.

DSC_5146

Andiamo però per gradi e vediamo cosa ci troviamo davanti aprendo la nota scatola azzurra. Le Clifton si presentano con una grafica piuttosto discreta rispetto alle fantasiose e a volte esagerate grafiche Hoka, direi di stile più “europeo”. Le colorazioni disponibili attualmente sono tre: grigie, azzurre, gialle e sono quest’ultime che noi avevamo in prova. Afferrando la scarpa la prima sensazione è d’incredulità: sono davvero delle Hoka? Il dubbio sorge perché le Clifton, a dispetto della nota “super suola” (che qui si presenta con 24mm sull’anteriore e 29 sul posteriore per un drop contenuto a 5mm), sono davvero leggerissime, solo 215 gr nella taglia US 8.5. Osservandole con maggiore attenzione notiamo anche come molte cuciture, che in passato hanno destato qualche perplessità anche fra gli amanti del marchio, sono sparite, sostituite da eleganti termosaldature.

DSC_5117

Altra novità è l’allacciatura standard, che sostituisce quella automatica che contraddistingue la stragrande maggioranza dei modelli Hoka, e che a mio parere si comporta probabilmente meglio di quest’ultima. Se poi guardiamo il prezzo, che si aggira sotto i 130 Euro sembrerebbe proprio di aver fatto tombola: una scarpa super ammortizzata e leggerissima ad un prezzo “adeguato” è possibile? Forse sì ma ancora prima di provarle abbiamo voluto indagare per capire dove sta l’inghippo e una differenza rispetto ai tradizionali modelli Hoka l’abbiamo trovata ed è proprio nella progettazione della famosa suola: banalizzando possiamo dire che è stata semplificata, ma ciò non toglie che le Clifton possano comunque essere molto valide.

DSC_5141
DSC_5143
DSC_5144

Infilando il piede nella scarpa la sensazione è di avere una protezione minima e lo dico non in maniera negativa: non sono scarpe da trail e ritengo che nella corsa su strada meno c’è attorno al piede meglio è. La calzata poi è morbidissima e avvolge il piede molto dolcemente, tanto che viene naturale stringere un po’ più del dovuto i lacci per “sentirla” meglio. Dopo i primi passi la mia sensazione è stata quella di averle ai piedi da sempre e camminando non ho avvertito grosse differenze dalle altre Hoka più ammortizzate come ad esempio le Stinson. Solo correndo però possiamo sciogliere ogni dubbio e ci siamo dati da fare per capirle a fondo testandole su diversi tracciati con salite discese e ghiaioni.

DSC_5145 

Le Clifton si comportano bene. Non sono scarpe da poter usare ovunque, quindi se la cavano anche su sterrati semplici, ma mai troppo impegnativi, anche perché la suola non ha un grip pensato per fare grossi “off-road”, mentre posso dire che l’asfalto è il loro campo ideale e si fanno apprezzare soprattutto per confort e leggerezza. Rispetto alle Hoka tradizionali la differenza la si nota nei lunghi e lunghissimi, quindi dai 25-30 km in sù dove le Clifton sembrano perdere non tanto in ammortizzazione quanto in elasticità e quest’ultima considerazione la faccio dopo aver alternato sugli stessi percorsi Clifton e Stinson. Ovviamente i pesi piuma risentiranno molto meno di questa differenza, ma se le dovessi consigliare in abbinamento ad una competizione direi che potrebbero essere le scarpe ideali per una Half Marathon dove le loro doti di confort non penalizzano la grande leggerezza dell’insieme.

DSC_5138

Mi sono piaciute queste Clifton, anche se non sono delle Hoka “tradizionali”. Si vede la ricerca da parte della casa di un compromesso e ritengo che sia ben riuscito: non avremo la super protezione alla quale ci hanno abituato in passato, ma di certo sono più protettive del 90% delle A3 degli altri marchi che ci sono attualmente in commercio e che solitamente pesano quasi 100gr di più! Un modello consigliato e ben riuscito quindi, ma attenzione alle termosaldature, unica nota stonata della nostra prova: dopo troppo poco tempo tengono a scollarsi e questo non è molto piacevole, anche se ad onor del vero noi abbiamo avuto in prova una delle primissime serie di Clifton e presumibilmente questo problema (forse di temperatura in fase di produzione?) ad oggi dovrebbe già essere stato risolto dalla casa madre. Quindi sì, amici, è “time to fly” e al prezzo giusto!

Roberto Delfanti

About Roberto Delfanti

87 Comments

  • MARCO scrive:

    HOKA SI é FATTA CONOSCERE PER LE SUE MAFATE SCARPA TRAIL IMPONENTE NELLE DIMENSIONI MA MOLTO AMMORTIZZATA. DIFETTI MOLTI .USURA SUOLA VELOCE DOPO POCHI KM PREZZO ALTISSIMO.

    • Alessandro scrive:

      Ciao, ho cominciato ad utilizzare hoka con le Mafate 2. Ci ho corso più di 2000 km. BUTTATE solo per loro deformazione. Forse quella dell’usura precoce è soltanto una frase fatta. Attualmente ho un paio di Salomon speedcross 3, dopo 300 km la suola è piatta. Questa si che è usura anomala.

      • Roberto Delfanti scrive:

        Ciao Alessandro,
        grazie per il commento. Forse 2000 km sono un po’ tantini, anche quando la scarpa non mostra esternamente segnali di usura evidenti, come credo tu sappia, si snerva e perde in parte il potere ammortizzante. Le Hoka “da strada” hanno storicamente una suola piuttosto morbida, dall’usura se non proprio precoce, direi almeno “rapida”. Certo se il tuo termine di paragone sono le Speedcross, non posso che darti ragione, le Hoka in confronto durano una vita. Le Speedcross hanno una suola di burro, come molti altri modelli Salomon che prediligono un grande grip alla durata. Inoltre questo modello in particolare soffre anche il minimo passaggio su asfalto, di contro è ottimo sullo sterrato che dovrebbe essere il suo “habitat” naturale.

  • Pierluigi scrive:

    Avevo un problema: un dolore lancinante alla pianta del piede che mi costringeva a fermarmi. Sia l’ortopedico che il podologo erano dell’idea che, a causa della mia stazza (1.86×80 kg) sollecitavo troppo la fascia plantare. Ho provato tanti modelli di scarpe e dei costosissimi plantari. Quando, per caso, su internet ho notato l’altezza delle Hoka. Provate e tutto è stato risolto. Sia le Bondi 3 che le Clifton, si sono rivelate ottime per me. Finalmente i miei piedi hanno trovato le loro scarpe.

    • Daniele scrive:

      Era proprio quello che volevo leggere ….. stesso problema … ” fascite plantare ” !!! Ero propenso per le clifton 2 … ora mi sono deciso !!! Grazie.

  • Paolo scrive:

    Ciao! Condivido con te l’ ottima recensione delle hoka Clifton,ho avuto le stesse impressioni,numero giusto ma un po abbondanti.Ho dovuto inserire una soletta di un’altra scarpa per starci bene e tolto l’inutile(per me) soletta originale ,anche se nella scatola ve ne è una supplementare.Ad oggi hanno circa 430km,la suola molto rovinata,mancano alcuni pezzi ma la scarpa tiene,sopra i 12km manca un po l’ammortizzazione, ma io sono due metri per 107kg.Sono dibattuto se continuare con questo modello o sostituire con altro ,consigli?Attualmente corro fino alla mezza,ma aspiro ad una maratona . con queste scarpe ho ripreso dopo una tendinite achillea e dopo aver letto un po di forum.per il numero ho azzardato comprandole dal sito ufficiale senza provarle, ma tutto sommato è andata bene.Grazie

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Paolo,
      grazie per il tuo commento. Credo che per la tua statura e il tuo peso forse dovresti indirizzarti sulle Stinson 3, che attualmente utilizzo anch’io, e sono più “consistenti” se mi lasci passare il termine.

      • Totorun scrive:

        ciao, e grazie di esistere.
        Corro da anni, anche se in maniera incostante, ed oggi, alla veneranda età di 45 anni, 1,90 x 100 kg, mi chiedo se non sia giunto il momento di farmi aiutare un poco dalle scarpe. Utilizzo Brooks Ravenna e Adidas Boost, ma comincio a credere che esista qualcosa di più morbido, per corsa stradale, senza sterrati. Avevo scoperto le Hoka, poi mi sono diretto alle Clifton, ma vedo che Roberto indica a un mio “collega” di peso le Stinson. Ecco, volevo chiedere:
        quali sono le scarpe col massimo ammortizzamento?
        tra le Hoka, punto alle Stinson?
        le Hoka Stinson e le altre Hoka come clazano? Preciso che non ho una sola scarpa da running seria che rispetti il mio 45, dovendo quasi sempre preferire una mezza o intera misura in più (un giorno ho dovuto acquistare delle Nike 46,5!

        • Roberto Delfanti scrive:

          Grazie, troppo buono!
          Per quanto riguarda le HOKA, ad oggi le Stinson sono le scarpe più ammortizzate della gamma e visto la tua corporatura direi che andrei direttamente su quelle. A mio avviso non calzano tantissimo, io ho la pianta piuttosto larga con un 45 di taglia e generalmente con HOKA utilizzo un 45 e 1/3. Se invece volessi avere un’alternativa sempre restando su HOKA direi che subito dopo ci metterei le Conquest o le Bondi, sono più sensibili, ma sempre molto ammortizzate rispetto alle calzature che hai utilizzato finora. Spero di esserti stato utile! A presto.
          N.B.: Ricorda che in genere queste scarpe molto ammortizzate hanno un consumo piuttosto rapido quindi non aspettarti di farci 1000 km…

  • Marco scrive:

    Ciao, sono un amante di trail ed ultra trail e vorrei provare ad utilizzare le Hoka, quale modello potrei utilizzare dato che sono alto 1.80mt e peso circa 90kg. Grazie!

  • alessandro scrive:

    ciao Roberto sono un ‘corridore della domenica’, non agonista…corro circa 1500 km annui quasi tutti in asfalto,, peso 76 kg x 180 cm di altezza, e, dopo anni in cui ho usato solo A4 perché mi avevano detto che ero pronatore, sono stato filmato in un negozio e mi hanno fatto vedere che non lo sono per nulla…allora ho comprato un paio di Saucony iso triumph e,a parte terribili crampi al polpaccio che mi sono venuti dopo un mese solo x un paio di uscite, mi sono x la prima volta accorto di cosa vuol dire correre più natural, rispetto alla Kayano tutta un’altra cosa, belle scarpe davvero…verso i 500 km delle saucony ho comprato un paio di skechers go run ride 4 ma mi sono accorto che posso usarle 1 uscita a settimana e che avrei bisogno di alternarle ad un altra scarpa, natural ma un po’ più ammortizzata…mi incuriosiscono le oka,tu che modello mi consigli? se dovessi tornare su asics meglio le cumulus, per il mio peso, o le nimbus? grazie

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Alessandro,
      non ho avuto modo di provare le Saucony, quindi non ho un termine di paragone diretto. Io uso Hoka da diverso tempo ormai e devo dire che mi trovo bene viste le mie caratteristiche fisiche (80kg, 184 cm), ma francamente non sono proprio delle scarpe per una corsa natural, hanno comunque un certo drop e sono davvero molto, ma molto, ammortizzate rispetto alle altre case. Ciò non toglie che potrebbero fare al caso tuo, magari scegliendo un modello meno estremo, penso ad esempio alle Bondi 4 o alle Conquest 2. Se decidessi per Asics, io mi sono trovato molto bene con le Nimbus, ottime scarpe e niente da dire. Non le ho ancora provate, ma lo farò molto presto, le Altra Running, che hanno la peculiarità di avere una grande ammortizzazione ma drop zero, di certo mi incuriosiscono molto, ma non posso ancora darti un giudizio. Spero di averti aiutato! A presto.

  • alberto mele scrive:

    ciao roberto , sono un amante della corsa facevo circa 50\60 km alla settimana poi mi sono fermato x un problema al piede (tarsalgia).Podologo,e fermo x3 settimane .Piano piano sto ricominciando a correre mi anno consigliato di correre con delle scarpe hoka che sono molto ammortizzate .ho letto delle clfton 2 cosa ne pensi . sono alto 1.76 e peso 76 grazie

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Alberto,
      quanto ti capisco! Anche a me capita di avere piccoli o medi infortuni che mi stoppano gli allenamenti, ma si sa: sono da mettere in conto. Per quanto riguarda le Hoka, le Clifton non sono male, hanno il pregio di essere molto leggere rispetto agli altri modelli della casa, pur mantenendo la grande ammortizzazione. Il difetto secondo me è che non sono tanto “strutturate” e mi è sembrato che tendano ad usurarsi più facilmente (di contro c’è da dire che sono più a buon mercato degli altri modelli). Quindi se le utilizzi come scarpa da allenamento per sessioni da 10/15 km possono essere giuste per te, diversamente se hai in mente anche lunghi o lunghissimi, allora ti consiglierei le Bondi 4 o le Stinson 3. Molti amano anche le Conquest, che sono leggermente più rigide ma mantengono comunque le peculiarità di casa Hoka, io preferisco non avere mezze misure: o nude e crude o materassoni!

  • Alessandro scrive:

    Ciao Roberto, ho 43 anni, 70kg x 1.76cm, corro 2-3 volte a settimana e partecipo a volte sia a mezze che a maratone. Uso generalmente Asics, alternando cumulus o Nimbus. Vorrei provare le Hoka perché leggo siano ben ammortizzate e perché ho avuto in passato un’ernia del disco. Sono indeciso tra Clinton 2 e Vanquish 2. Non trovo online paragoni tra le 2. Cosa consiglieresti? Grazie

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Alessandro,
      anch’io ho fatto il tuo stesso percorso passando dalle Nimbus alle Hoka. La mia esperienza diretta è sulle Clifton, leggere e ammortizzate, non super reattive e sicuramente con un prezzo molto abbordabile. Le Vanquish non ho avuto il piacere di provarle, ma mi dicono essere simili alle Conquest, che ho usato a lungo. Queste ultime sono un gradino in sù rispetto alle Clifton, mantengono oltre alla grande ammortizzazione anche un’ottima reattività, a discapito del prezzo decisamente più elevato. Ritengo comunque che, dato il tuo peso bello leggero e il tipo di corse che fai, anche le Clifton possano fare al caso tuo, inoltre essendo le prime Hoka puoi testare senza tanti rimpianti se sono un genere di scarpe che soddisfa le tue esigenze.

      • Alessandro scrive:

        Ciao Roberto, volevo giusto postare e condividere con il tuo blog la mia prima esperienza con
        Le Hoka. Ho preso le Vanquish 2 sia perché ho letto su più parti essere più reattive delle Clifton e sia perché ho avuto la possibilità di acquistarle con il 30% in meno. Sicuramente l’H è più leggera delle ASICS che uso abitualmente, ma calzando più piccole bisogna prendere una taglia in più, in conclusione l’H pesa 40gr in meno. Calza bene, ma non ha il comfort dell’A che rimane da questo punto di vista una scarpa top. L’H si sente ben ammortizzata, ma un po’ rigida, l’avrei preferita più morbida. Non posso posso confrontare la sua reattività con le altre H, ma le sento molto meno reattive delle Cumulus. Peccato!!! Per ora ho fatto un 50km, spero migliori con qualche km in più. Se la proverai mi farà piacere leggere un tuo parere. Grazie

  • Nadia scrive:

    Ciao Roberto
    queste Clifton 2 mi hanno proprio incuriosita e vorrei acquistarle. Sono alta 1.68 m x 58 kg e sono un bradipo con RG sui 10 km mai sotto i 5:30 :-( . Esco 3 volte a settimana alternando ripetute, medi e lunghi (max una ventina di km) sempre su asfalto, raramente un po’ di sterrato. Le nimbus e le vomero sono state fantastiche per la loro morbidezza, ma le sento un po’ pesanti. Acquisto invece sbagliatissimo le new balance 880v5, dure e faccio un sacco di rumore, mi sembro un elefante.
    Ci provo? O mi consigli qualche altro modello delle Hoka?
    Grazie

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Nadia,
      se sei un bradipo questo è il blog giusto per te! Battute a parte dato il tuo peso credo che le Clifton siano un’ottima scelta per passare alle super-ammortizzate e per entrare nel mondo Hoka. Sono calzature piuttosto leggere rispetto all’ammortizzazione che offrono e vanno bene esclusivamente su asfalto, anche se ora c’è anche una versione off-road. In più come già detto hanno un prezzo decisamente allettante rispetto ad altri modelli dello stesso produttore. Quindi perché no? Provale e mi saprai dire… Unico avvertimento la durata: non aspettarti di farci 1000 km, ma metti in preventivo un cambio verso i 700, perché se anche in apparenza sembrano integre (ma la suola ti mostrerà di certo l’usura, tanto più correndo su asfalto) il potere ammortizzante va, ovviamente, scemando.

      • Silvia scrive:

        Voglio provare le Clifton 2 anche se ora è uscita la 3 ma ho qualche dubbio sulla calzata… X cumulus17 ,aduro2 e boost respinse ho preso il n 38… Lo prendo anche x le Clifton 2 o scelgo 37 e ⅓?

        • Roberto Delfanti scrive:

          Ciao Silvia, scusa se rispondo solo ora. Se fossi in te prenderei comunque il modello nuovo visto che Hoka tendono a migliorare molto fra un aggiornamento e l’altro. Per il numero andrei sul sicuro con la 38, ma è una cosa molto soggettiva…

  • francesco cannito scrive:

    Ciao Roberto,sto usando le hoka modello valor.Prima usavo modelli di marche tradizionali.IO faccio le ultramaratone,sono indicate questo modello.Grazie

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Francesco,
      non ho un’esperienza diretta con le Valor, quindi mi posso limitare a guardarne le caratteristiche. Comunque mi sembrano adatta alle Ultra. Nella gamma Hoka, probabilmente sono ancora più prestanti le Stinson 3 e Conquest 2.
      A presto

  • Rita scrive:

    Ciao. Soffro ormai da tempo di metatarsalgia , pur correndo solo su treadmill tre volte a settimana ho sempre usato scarpe di qualità come le nimbus e con il podologo ho inserito dei plantari ad hoc , senza successi permanenti. Leggendo delle Hoka sarei interessata ( sono 50 kg per 153 ) e sono sopra i 5’30. Vorrei uscire dal treadmill per l ‘ asfalto, cosa suggerisci?

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Rita,
      ti faccio una premessa: non sono un podologo quindi il mio consiglio può derivare solo dalla mia esperienza, prendilo con le pinze! Innanzitutto credo che tu faccia bene ad orientarti verso l’asfalto e mollare per un po’ il treadmill (hai pensato ad un po’ di sterrato?), tempo fa ero stato costretto ad allenarmi solo così e a lungo andare le cose non andavano bene. Visto il tuo peso molto contenuto, ma anche la tua necessità, le più morbide sono le Stinson 3, anche se con le Clifton forse raggiungi un compromesso, ammortizzazione-leggerezza-qualità/prezzo, che ritengo molto invitante nel tuo caso. Ultimamente, se tu volessi esplorare fuori dal filone HOKA, sto provando le Altra Running, che hanno drop 0 e una suola con la peculiarità di avere una pianta molto larga, oltre ad una grande ammortizzazione, sono incredibilmente confortevoli… presto farò la recensione. Spero di esserti stato utile

  • Federico scrive:

    Ciao, sono affascinato dalle Hoka ma come ad ogni nuovo acquisto di nuove scarpe da running sono terrorizzato. Ho auto un esperienza negativissima con le Vomero, solo dopo alcuni km di corsa mi i dolori da sotto al Ginocchio fino ai piedi mi costringevano a fermarmi. Ora uso delle saucony jass ma anche con queste dopo 45′ mi si informicola un piede costringendomi ad uno stop. Corro 2/3 volte la settimana 10/15km ad uscita, asfalto e sterrato, sono alto 1,74 e son sugli 80kg. Cosa mi consiglieresti?

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Federico! Come puoi immaginare è sempre molto difficile capire il perché si presentano certi dolori. Tuttavia quelli che mi descrivi non sono nuovi per me e mi ricorda che anch’io ho avuto problemi simili. Se il dolore parte dal polpaccio e arriva al piede potrebbe essere causato (e dico potrebbe perché non ho le competenze di un ortopedico) proprio dalle scarpe. Nel mio caso il problema era la larghezza della pianta del piede. Se vuoi restare su Hoka ti potrei consigliare di provare le Bondi 4, davvero ottime scarpe che pur restando fedeli ai concetti del marchio mantengono una certa reattività. Diversamente potrei suggerirti le Altra Running: hanno drop zero, una pianta molto larga e nel modello Paradigm 1.5 (la recensione è quasi pronta…) sono con un’ottima ammortizzazione. Spero di esserti stato utile!

      • Federico scrive:

        Grazi mille Roberto,
        Unico cruccio è dove trovarle le une e le altre, non mi fido a comperarle su internet senza nemmeno provarle.
        Ultima domanda che ne dici delle odyssey 2 ?
        Grazie mille buona giornata.

        • Roberto Delfanti scrive:

          Per quanto riguarda le Odyssey 2 purtroppo non sono in grado di risponderti perché non le ho ancora provate. Come negozio, il nostro di fiducia è Ginetto Sport di Reggio Emilia che ha un vasto assortimento sia di Hoka che di Altra. Puoi chiedere di Mirco, che tra le altre cose collabora con noi, saprà consigliarti al meglio e forse darti anche informazioni sulle Odyssey 2. A presto!

          • Edoardo scrive:

            Roberto buondí e complimenti per le recensioni che pubblichi.Sono un ex sportivo il quale da anni cerca di tornare ad esserlo, ma ogni volta , si presenta il solito quanto traumatico problema.In pratica durante la corsa mi si irrigidiscono ambe due le tibie, diventando dure, come contratte e non mi consentono di continuare a correre, pratico una corsa lenta e continua senza cambi di ritmo improvvisi o di tracciati ( corro sull’asfalto ). In pratica dopo varie visite non si riesce a capire che tipo di problema mi affligga.Ad oggi arrivato a 100kg ( ne pesavo 70 ) essendo alto 174cm, vorrei tornare a correre e con questo volevo chiederti, secondo te una scarpa come la hoka può fare al caso mio! visto il grado di morbidezza e protezione che le contraddistinguono rispetto alle altre.Leggo che rispetto al mio numero abituale dovrei orientarmi su di una mezza misura in piú a prescindere, ti chiedo questo perché nelle mie zone non si trova questo marchio e dovrei acquistarlo sul web. Quindi potrei chiederti un parere sul modello è numero e per colore che leggono e hanno avuto il mio stesso problema, se mi possono aiutare a superarlo.Grazie ancora e complimenti.

          • Roberto Delfanti scrive:

            Buongiorno Edoardo e grazie per i compimenti. Di certo le Hoka sono un ottima scarpa per chi avendo una massa importante ha problemi muscolari e di articolazioni, quindi te la consiglio senza esitazioni. Per il tuo problema ti consiglio anche di fare molto stretching prima e dopo l’attività e perché no un po’ di piscina che aiuta sempre i muscoli a sciogliersi (ovviamente i miei sono consigli dettati dall’esperienza quindi non sono dati da un fisioterapista). Tornando alle Hoka, il modello che mi sento di consigliarti sono le Stinson 3, le più ammortizzate e più adatte alla tua corporatura. Per il numero posso dirti che io ho un 45 in genere e quando scelgo Hoka preferisco prendere un 45 1/3. Spero di esserti stato utile e alla prossima!

  • ilaria scrive:

    Ciao, vorrei un consiglio. Io corso sempre e solo sulle ASICS. Attualmente ho un pò infortuni irrisolti: tendinosi d’achille, tendinite tibiale e fascite plantare. Sono alta 171 e peso 61kg. Mi alleno per le mezze maratone anche se vorrei fare la maratona.
    Che modello di Hoka mi consigli?
    Si possono usare sia per le ripetute in pianura che in salita?
    grazie

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Ilaria, in base alla tua altezza e al peso ti direi che le Clifton 2 sono proprio adatte a te, ma visto che sei abituata ad Asics e hai avuto qualche problema forse avere una scarpa più strutturata potrebbe aiutarti di più, allora ti direi di stare sulle Conquest o sulle Stinson (che però sono molto molto ammortizzate). In generale Le hoka si comportano egregiamente sia in salita che in discesa, anzi è proprio nelle discese più brusche su asfalto che si apprezza ancora di più la loro ormai leggendaria ammortizzazione. Se deciderai per uno di questi modelli fammi sapere come ti sei trovata!

  • alessandro scrive:

    Ciao Roberto, avrei bisogno di un consiglio su alcuni modelli hoka. Pratico trail da qualche anno e ultimamente mi sono dedicato ad alcune ultra. Si è però presentato un infiammazione causata da una lieve pronazione. Secondo te quale modello di hoka sarebbe indicato per evitare questo cedimento del piede verso l interno? Ho letto molte recensioni positive della mafate speed, della speedgoat e della rapanuy ma non riesco a capire quale tra queste possa evitare la pronazione quando incontro tratti corribili e poco accidentati (momento in cui la pronazione si fa sentire) grazie
    Alessandro

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Alessandro, faccio fatica a sbilanciarmi consigliandoti un modello specifico, posso dirti i pregi e i difetti dei modelli che mi hai citato. Le Mafate Speed sono ottime su percorsi a mio parere non troppo impegnativi, dove la comodità della calzatura è molto importante, penso ad esempio ad un percorso appenninico tipo l’Abbots Way; Le Speedgoat sono fondamentalmente un’evoluzione minimalista delle Rapa Nui, entrambi hanno delle belle suole e sono adatte anche ai tracciati più impegnativi, la Speedgoat è molto leggera e traspirante, di contro forse è un filo meno protettiva delle Rapa Nui. Per il tuo problema forse a parte la scarpa dovresti dare un occhio alle tante (ottime) solette che ci sono in circolazione: mi vengono in mente quelle della Noene, ormai arcinote, e per darti un secondo nome quelle della Flexor Sport. Spero di esserti stato utile. Alla prossima!

  • PIETRO scrive:

    ciao a tutti qualcuno mi sa dire se arriveranno anche in italia le hoka mafate 4 ciao

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Pietro,
      generalmente quasi tutti i modelli arrivano anche in Italia, le Mafate, essendo uno dei modelli di punta, credo che facciano parte di questa cerchia.

  • PIETRO scrive:

    ciao grazie speriamo arrivino ciao

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Pietro, devo correggere il mio precedente intervento. Ho sentito un amico rivenditore e mi ha confermato che le Mafate 4 non arriveranno essendo un modello considerato già sorpassato… Quindi mi spiace e mi scuso per l’informazione sbagliata.

  • ilaria scrive:

    ciao mi puoi dare un consiglio?
    Ho una tendinosi d’achille e sto soffrendo al tendine tibiale della stessa gamba.
    Il mio arco plantare è basso e tendente alla pronazione.
    Le HOKA possono essere adatte per me? Quale modello?
    sono alta 1.71 e peso 61 kg.
    grazie MILLE

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Ilaria, ti consiglierei di rivolgerti a uno specialista, così ad istinto ti dico che proverei le Conquest, generalmente adatte a persone con la tua corporatura. A presto.

  • Matteo scrive:

    Appena acquistato un paio di Clifton 2, provenendo da Glycerine 12, Saucony Ride 7 e Nike Lunarglide 7 in quest’ordine. Sono alto 173 cm per 74 Kg. Le migliori delle 3 sono state senza dubbio le Glycerine, garantendo un’ammortizzazione importante e duratura (corro 3/4 volte la settimana per un totale di ca. 40 km settinanali). Sono passato alle Hoka un po’ incuriosito dal design e dalla forma “cicciona” che dovrebbe garantire massima ammortizzazione. Domani le provo di sicuro.

  • PIETRO scrive:

    CIAO A TUTTI CHI MI PUO INDICARE UN SITO INTERNET DOVE POSSO TROVARE LE HOKA MAFATE 3 NON TARROCCATE CIAO GRAZIE A TUTTI IN ANTICIPO

  • roberto bongioanni scrive:

    ciao, domanda veloce
    alto 175cm. peso 80 kg. 3 uscite settimanali su asfalto per circa 35/40 km. quale hoka mi consigli?
    buon lavoro ciao

  • roberto bongioanni scrive:

    ciao
    aggiungo a quanto scritto per completezza sui miei dati che sono un leggero supinatore
    grazie ancora e complimenti per le tue esaurienti recensioni

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Roberto,
      grazie per i complimenti, fanno sempre piacere. Con le tue caratteristiche mi orienterei verso le Conquest, davvero ottime. Se poi da leggero passi a decisamente supinatore, ti consiglierei di integrarle con una soletta correttiva, tipo Noene per citare forse quella attualmente più conosciuta. A presto

  • Fulvio scrive:

    Ciao, ho usato le clifton 1, alla novecolli running a Maggio 2016, che dire, ottime, anche con la stanchezza estrema ti costringono a correre di avampiede, da non credere, ci ho corso per 29 ore! Nessuna conseguenza articolare o altri problemi, prima della gara avevo qualche piccola infiammazione all’arco plantare, in allenamento alterno diversi tipi di scarpe, dopo la gara non avevo più niente.
    Ciao!

  • Fulvio scrive:

    Dimenticavo, peso 75 kg e sono alto 1,74, postura del piede neutra.

  • renzo ferreri scrive:

    CIAO ROBERTO, IO PER UNA FASCITE PLANTARE HO CAMBIATO TANTE MARCHE DI SCARPE, MA PER CASO HO COMPRATO LE CLIFTON SONO SPARITI TUTTI I DOLORI COMPRESO LA FASCITE PLANTARE , PENSA CHE SE DOVESSI CAMBIARE SCARPA NON NE AVREI IL CORAGGIO, DOPO LE CLIFTON HO USATO LE HUAKA E LE CLAYTON MA SONO RITORNATO SULLE CLIFTON, GRAZIE HOKA ONE ONE

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Renzo, di certo il compromesso fra leggerezza e ammortizzazione che offrono le Clifton si riscontrano in pochi altri modelli, oltre ad un prezzo molto concorrenziale. Alla prossima

  • Totorun scrive:

    ciao Roberto,

    ho scritto nel corpo della thread e forse non riesci a leggere la mia richiesta di aiuto.
    Vedo in questo forum finalmente runner che hanno il coraggio del proprio peso. Io sono 1,90 x 100 kg (fisico con precedenti di palestra pesi) e naturalmente nei siti di running ad ogni consiglio ti viene detto “dimagrisci, perdi peso!” o, peggio, “cambia sport”. Corro da anni, in maniera salutaria, ma non ho mai avuto problemi a gambe e piedi, come sembra ne abbiano runners leggeri. Certo, hanno comunque ragione, ma io il peso lo perdo solo correndo. Quindi….Ho 46 anni quasi e suppongo di dover aumentare il grado di ammortizzamento che reputo insufficiente con le Brooks Ravenna e, soprattutto le Adidas Boost che alterno nei miei 10km due volte a settimana, solo su strada. Scopro ‘ste Hoka e in particolare le Clifton. Ma tu, a un peso massimo come me hai consigliato le Stinson.
    Mi diresti per favore cosa sarebbe meglio per me? E mi diresti come calzano, visto che al mio 45 usato per scarpe ordinarie non ha mai corrisposto una scarpa da running 45 (ne ordino sempre mezza misura o intera misura in più). Grazie. Il messaggio vale per tutti.

    • Roberto Delfanti scrive:

      Grazie, troppo buono!
      Per quanto riguarda le HOKA, ad oggi le Stinson sono le scarpe più ammortizzate della gamma e visto la tua corporatura direi che andrei direttamente su quelle. A mio avviso non calzano tantissimo, io ho la pianta piuttosto larga con un 45 di taglia e generalmente con HOKA utilizzo un 45 e 1/3. Se invece volessi avere un’alternativa sempre restando su HOKA direi che subito dopo ci metterei le Conquest o le Bondi, sono più sensibili, ma sempre molto ammortizzate rispetto alle calzature che hai utilizzato finora. Spero di esserti stato utile! A presto.
      N.B.: Ricorda che in genere queste scarpe molto ammortizzate hanno un consumo piuttosto rapido quindi non aspettarti di farci 1000 km…

  • Christophe scrive:

    Ciao Roberto
    Sto preparando la 100km del passatore,ho voluto provare le hoka e mi hanno consigliato le Clifton3 pero leggendo i commenti qui mi sorgono dei dubbi sul consiglio dato, tu cosa mi consigli come modello hoka? Grazie ciao

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Christophe,
      Tranquillo le Clifton sono delle ottime calzature. Personalmente, non essendo propriamente un fuscello, preferisco un’ammortizzazione e una protezione maggiore, ma per il Passatore le Clifton sono un’ottima scelta dato che il percorso non presenta particolari asperita’ del terreno e queste Hoka riescono ad offrire un’ottima ammortizzazione e una notevole leggerezza. In bocca al lupo per la tua impresa!

  • Ciro scrive:

    Ciao Roberto, è la prima volta che mi affaccio al mondo Hoka, vorrei sapere se questa scarpa fa per me. Peso 61 Kg e ho un passo che oscilla tra 4 – 4,25.
    Va bene per me?
    Grazie mille.

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Ciro,
      Innanzitutto complimenti, per me sei come Flash! Col tuo peso e le tue prestazioni direi che potresti stare anche sulle Tracer o sulle Clayton, davvero molto leggere. Per il numero direi sempre un mezzo numero in piu’, ma a costo di essere banale, ti consiglierei che almeno per la prima Hoka sarebbe meglio provarle… Buone corse!

  • Raimondo scrive:

    Ciao Roberto, complimenti per la perizia e la passione che dimostri! Ti chiederei un consiglio per l’acquisto delle mie prime Hoka. Sono alto 178 cm e peso 65 kg, lentone di natura con passo gara in maratona intorno al 5.30, e sulle brevi intorno ai 5 min. km. Ho usato con soddisfazione diverse nimbus, brooks gliceryn, e adesso asics cumulus. Neutro con frequenti fastidi ad un ginocchio appena l’ammortizzazione diminuisce (500 km in media di utilizzo). Faccio circa 50 km a settimana e vorrei una scarpa da usare in gara, mezze e maratona, ed in allenamento. Dubbio tra clifton, conquest e bondi. Temo per la clifton la ridotta durata e che non sia adatta alla maratona, la bondi temo sia troppo morbidosa, e la conquest poco adatta al mio peso… confusione!!!!! Grazie anche solo della pazienza…

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Raimondo,
      grazie per i complimenti! Fra le tre che hai citato secondo me le più complete sono le Conquest, perché ben ammortizzate, con una buona reattività e adatte anche alle lunghissime distanze. Di certo col tuo peso molto contenuto forse potresti stare su qualcosa di più leggero e al contempo anche meno dispendioso, quindi forse, essendo anche le prime Hoka, mi orienterei proprio sulle Clifton. Poi guarda, il discorso durata è relativo anche a chi ci corre sopra, ma ripeto la tua leggerezza gioca sicuramente a tuo favore! A presto.

  • Cristian P. scrive:

    ciao roberto, peso 70 kg per 180 cm di altezza…passo tra i 5 (lenti) e i 4.45 (ripetute da 1 km)…secondo te le clifton 2 (trovate in supersconto) sono la scarpa per me? considera che attualmente corro con nimbus 17 e vomero 11 per gli allenamenti quotidiani e glide 8 per i lavori veloci…vorrei provare una hoka, ma non so quale…ho paura che le clifton siano poco protettive (sai, abituato a scarpe abbondantemente sopra i 3 etti, mi fa strano che una scarpa da 250 grammi possa essere protettiva abbastanza)…eventualmente quale modello potrei prendere? e se decidessi clifton 2, che numero prendere, considerando che di nimbus e vomero ho il 9.5 US (43.5 EU)? grazie

    • Cristian P. scrive:

      edit: 3.45 le ripetute… 😉

      • Roberto Delfanti scrive:

        Ciao Cristian,
        siete tutti evidentemente più veloci di me! 3.45 su un km me lo sogno di notte ed è un incubo! Battute a parte secondo me le Clifton sono adatte. Anch’io venivo dalle Nimbus, ma considera che anche le Clifton sono parecchio ammortizzate a dispetto del peso, è la tomaia ad essere più sottile. Per il numero non so che dirti, io con le Asics uso un 45, con le Hoka preferisco un 45 e 1/3, ma come puoi immaginare è tutto molto soggettivo. Comunque se trovi le Clifton ad un prezzaccio prendile, se poi ti troverai bene e vuoi una protezione leggermente più accentuata puoi virare sulle Conquest o sulle Bondi. A presto

  • Venusta scrive:

    Ciao Roberto.
    É da un pó di tempo, in concomitanza con un aumento del kilometraggio settimanale percorso, che soffro di tendinite all’achilleo. Percorro circa 30-35 km a settimana. Peso kg54, alta mt1.65. Ho sempre usato Asisc Cumulus, il mese scorso alternato con le Brooks Gliceryn, e da due settimane sto mettendo le Hoka one Bondi 4, ma é un disastro, da quando metto queste ultime i dolori sono peggiorati, estesi a tibia e ginocchia bilaterali. Credo che dovró decidermi ad abbandonarle (a malincuore dato quello che ci ho speso). La sensazione é di sofficitá nei primi minuti di corsa, passati i quali rimane il senso di sprofondare senza che vi sia reattività della scarpa. Una gran fatica insomma ad effettuare la rullata. Lentezza e gran dolori senza che riesca a compiere l’abituale kilometraggio. Delle tre scarpe forse le Brooks sono quelle che mi danno la sensazione di combinare ammortizzazione a reattività. Volevo avere un tuo parere al riguardo. Grazie.

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Venusta,
      come ho più volte detto vi ringrazio per la fiducia, ma non essendo un ortopedico prendete con le pinze quelle che per me possono essere solo indicazioni date dalla mia esperienza. Mi dispiace che tu non riesca a trovarti con le Bondi, per me sono un’ottima scarpa, ma le mie caratteristiche fisiche sono ben diverse dalle tue. Dato il tuo peso piuma, probabilmente non hai bisogno di scarpe così protettive e ammortizzate e proprio l’ammortizzazione delle Hoka forse va a penalizzare la reattività della scarpa portandoti a doverti far fare un ulteriore sforzo proprio dove sei dolorante. Mi verrebbe però da pensare che se usando le Bondi il problema si è accentuato e non presentato per la prima volta forse sarebbe il caso di farsi dare un occhio da uno specialista per non peggiorare le cose. Ti direi di provare scarpe a drop zero, ma di certo le tua tendinite almeno all’inizio ne risentirebbe. Forse è meglio se resti su scarpe più leggere e reattive, dato che comunque mi sembra di capire che non devi macinare centinaia di km a settimana, non conviene portarsi ai piedi dei piccoli carrarmati, ma convergere su scelte più minimali. In bocca al lupo!

  • Raffaele scrive:

    Buonasera Roberto
    Sono raf ho39 anzi 40ad agosto ho la passione della corsa e vorrei chiederti un consiglio visto che ultimamente ho collezionato un po’ di problemini al piede ( fascite sinistro) consegna il destro dolori vari
    Ho ripreso a correre ma sono stato fermo un po’ e ho ripreso qualche kg Oggi peso 80kg per H1,77 al momento corro con le mizuno ultima 7 mi trovo bene , ma sono affascinato dalle clifton3 o alto modello che secondo te può essere più indicato per il mio caso visto che non mi sono mai avvicinato alle Hoka , attività fisica 4/5 volte a settimana , ti ringrazio per la gentile consulenza saluti

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Raffaele,
      direi che le Clifton per approcciarsi al mondo Hoka sono assolutamente una buona soluzione, anche da l punto di vista economico. Direi che potresti valutare anche le Conquest, un po’ più “salate”, ma di certo un filo più reattive e strutturate, visto che comunque corri piuttosto spesso. Personalmente ho risolto i miei problemi di fascite quando sono passato ad Altra, con le Paradigm 1.5 e attualmente con le 2.0. Il mio era un problema di pianta larga e con queste ultime è stato un vero sollievo. Spero di esserti stato utile. A presto!

  • Luca scrive:

    Buonasera Roberto,

    Sono Luca ho 44 anni e dopo un passato giovane da ciclista , da un pò di anni mi sono avvicinato alla corsa. Ho già corso delle mezze maratone (tempi da 1,45) ed sono arrivato fino a 30km, l’ultimo anno sono rimasto ai box causa tendiniti e sperone calcaneare, come scarpe ne ho provate di tutti i colori. Un mio amico mi ha parlato delle Hoka e mi sono incuriosito in quanto leggo che non fanno guarire ma aiutano molto i vari fastidi dei podisti. Inoltrandomi nel web non riesco a capire il modello più adatto a me. Sono alto 1.74 e ora peso 80kg come impegno nella corsa riesco a ritagliarmo 3/4 volte alla settimana. Mi potrebbe aiutare in questa scelta? Grazie mille.
    Saluti.

    • Roberto Delfanti scrive:

      Salve Luca,
      basandomi sulle caratteristiche che mi ha elencato io mi orienterei sulle Stinson, le più ammortizzate della gamma… Poi ovviamente non è detto che risolvano i suoi problemi. in bocca al lupo!

  • Marcella scrive:

    Buonasera.sono Marcella età 39
    Altezza 1,60 scarsipeso 46 ..corro 3 volte la settimana e faccio gare da 5anni…10…mezze..e novembre ho fatto la prima maratona….ho problemi di cartilagine e faccio infiltrazioni di acido jaluronico una volta l anno….so che non dovrei esagerare cn la corsa o addirittura non correre ma ahimè è più forte di me…x un infiammazione son ferma da 2mesi e sto ricominciando pianooo….uso Saocony ride 9 ma un amico mi ha consigliato Clifton 3…x problemi di cartilagine….che ne pensi?GRAZIE….MILLE…

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Marcella,
      come ti capisco! Anch’io ho problemi di cartilagine e ahimé faccio le medesime infiltrazioni. Purtroppo credo che non ci sia una soluzione che possa essere data cambiando le scarpe. Di certo le Hoka hanno una grande ammortizzazione e quindi in un certo senso aiutano. Credo che se resti su distanze contenute tu possa ancora “salvarti”, ma se così non fosse e volessi aumentare le distanze il problema è destinato ripresentarsi, almeno per me funziona così. Di certo la tua costituzione aiuta a non stressare troppo le articolazioni… Fossi in te proverei comunque le Clifton magari attenuano il problema. A presto

  • Marco scrive:

    Buonasera

    ho un problema apparentemente strano al tendine di achille sinistro. Se corro in pianura mi si infiamma il tendine d’achille sinistro all’altezza della caviglia cosa che invece non succede se corro in salita (o meglio si infiamma molto meno). sembra un controsenso ma è così. Temo si tratti del tipo di appoggio effettuato con la corsa in pianura… Un plantare apposito mi ha risolto il problema in minima parte. Volevo cortesemente chiederLe se mi consiglia un modello Hoka che potrebbe essere indicato per correre in pianura salvaguardando il tendine di achille.. sono alto 183 cm e peso 75 kg
    grazie

    • Roberto Delfanti scrive:

      Buonasera Marco,
      temo di non poterle essere molto d’aiuto. Il massimo che posso dirle è che se vuole la massima protezione durante la corsa, in casa Hoka le suggerisco le Stinson. Dalla descrizione del suo problema concordo sul fatto che sia un problema di postura durante l’esercizio fisico. Ha pensato di fare un’analisi posturale sul tapis roulant? Ormai molti negozi danno questa possibilità. Spero di averla aiutata.

  • Antonio scrive:

    Ciao Roberto, complimenti per la recensione.
    Corro un paio di volte a settimana, per un totale di 30 Km, sono alto 1,75 per 65 Kg. 37anni.
    Dopo diversi infortuni mi sto orientando sulle Hoka, ma essendo scarpe molto particolari ho difficoltà a scegliere il modello adatto a me.
    Mi spiego: dopo anni con le Brooks Ghost ho cominciato ad avere problemi ad un ginocchio ed ho scoperto di essere pronatore solo dal piede sinistro.
    Mi sono state consigliate scarpe con un leggero supporto.
    Ora sarei interessato alle Hoka Arahi, ma il mio dubbio è che abbiano un sostegno anti-pronazione troppo forte nel mio caso.
    Ho avuto modo di provare su tapis-roulant le Clifton e le Clayton e, in effetti, il piede in questione prona molto meno, anche se i due modelli sono neutri, ma il mio dubbio è che dopo un po’ di Km possa non bastare.
    Cosa consiglieresti nel mio caso?
    Grazie

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Antonio,
      grazie per i complimenti! Capiti giusto a fagiolo, è un mesetto che sto testando le Arahi, nella versione Wide, e devo dire che mi trovo piuttosto bene. Sono scarpe protettive quindi per le articolazioni infiammate vanno bene, ma non sono molto sensibili; mi spiego meglio: super morbide e confortevoli ma a dispetto di un peso contenutissimo, vista la tipologia di scarpa, mi sembrano non adatte a chi ha velleità di tempo, non sono molto reattive. Per quanto riguarda la pronazione non mi hanno dato l’idea di essere troppo correttive, direi forse un filo (o sto diventando pronatore…). Comunque dato il tuo peso bello leggero io un pensiero sulle Clifton lo farei (tra l’altro sono anche più economiche). A presto

  • Matteo scrive:

    Corro circa 600 km al mese e devo dire che le Clifton mi soddisfano molto. L’unica nota negativa è, a mio giudizio, il rapido consumo della suola. Ne cambio circa un paio al mese, ma non si può avere tutto. Promosse!

  • Danilo scrive:

    Buongiorno Roberto, innanzitutto complimenti per le spiegazioni /recensioni, sempre molto chiare ed efficaci. Se possibile vorrei un consiglio.
    Mi sto allenado da un paio di mesi con le Hoka Bondi 5 , in vista della preparazione ad una maratona di metà ottobre. Mi sono trovato benissimo, noto soltanto una certa difficoltà nel raggiungerer una buona velocità, sto ipotizzando di fare la gara con le Clifton 4 che sicuramente pesano meno e forse sono più reattive . Che cosa ne pensi ?? Oppure tu con la tua esperienza che cosa mi consiglieresti ? tenendo presente sono alto 1 e 85 e peso 79 Kg e che prima delle Hoka ho sofferto di tutti i dolori muscolari più vari. Ti ringrazio per il consiglio che mi darai . Un saluto.

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Danilo,
      di certo tutte le Hoka con una certa ammortizzazione non sono sempre molto reattive, tuttavia anch’io sono stato un felice possessore delle Bondi, nella fattispecie del modello 4. Personalmente non passerei alle Clifton, date le tue caratteristiche fisiche, che del resto si avvicinano molto alle mie (aggiungici un 5 kg, purtroppo…), soprattutto se hai sofferto di dolori e dolorini… Le vedrei bene fino alla mezza, di più solo per pesi più leggeri. In alternativa alle Clifton e alle Bondi potresti, se vuoi rimanere in ambito Hoka, provare le Conquest, che ritengo un po’ più reattive anche se sempre molto confortevoli. A presto

  • Alessandro scrive:

    Ciao sono Alessandro.
    Sono fermo da un paio di mesi per un problema alla schiena che mi ha causato una fascite plantare ed anche una forte gonalgia.
    Facevo circa 40 km a settimana, sono alto 1,80 per 85 kg nell’ultimo anno purtropo sono ingrassato e forse anche questa è stata la causa degli infortunii.
    Vorrei riprendere la corsa , ed utililizzare una scarpa ammortizzata e protettiva , per questo mi sono sto avvicinando alle hoka (ho sempre usato mizuno).
    Ero indirizzato alle bondi 5, qualcuno di voi può darmi un cosiglio?
    Grazie

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Alessandro,
      io ho una corporatura simile alla tua (1.84 x 86kg) e con le Bondi mi sono sempre trovato benissimo. Secondo me ottima scelta. Nel caso prova anche le Stinson, ancora più morbide. A presto

  • Mauro scrive:

    Ciao complimenti per la dedizione a rispondere a tutti. Sono 185 x 100 kg e da sempre corro a piedi e tanto forse anche troppo e questo mi.provoca problemi ai metatarsi. Però veniamo al consiglio che visto altri commenti capisco che su strada le stinson atr vanno benissimo per me , ma su sterrati vanno bene lo stesso o potrei orientarmi su qualche altro modello? Come ti ho detto con problemi ai metatarso prendo sempre scarpe ampie all’avampiede io avrei un 46 ma prendo 47,5 …prendo anche le hoca così abbondanti? Grazie in anticipo

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Mauro e grazie per i complimenti! Allora per prima cosa devi sapere che le Stinson ATR sono già il modello declinato al trail, quindi per il trail sono ottime per quanto riguarda la riduzione degli shock da impatto, a patto (scusa il gioco di parole) che tu accetti una sensibilità inferiore durante l’appoggio data la loro notevole altezza da terra, e anche di far un po’ più di attenzione a dove si appoggia il piede stesso, dato che >altezza da terra = >pericolo di slogature / distorsioni. Per la strada se vuoi rimanere nell’universo Hoka, semplicemente ci sono le Stinson 3, ma darei anche un occhio alle Bondi 5 e alle Arahi. Queste ultime in particolare sono interessanti perché ci sono anche nella versione Wide, ovvero con pianta più larga… Forse potresti in questo caso non essere costretto a prendere ben un numero e mezzo in più… Spero di esserti stato utile! Alla prossima!

  • Luca scrive:

    Buongiorno,
    sono alto 1.75 x 75 kg x 40 km a settimana, supinatore (penso! ho le scarpe consumate sulla parte esterna ). Corro generalmente per allenarmi per la mezza maratona su asfalto e pochissimo sterrato; ma per alcuni mesi all’anno, come adesso, aumento fino ai 40 Km.
    Da un pò di tempo le mie Mizuno WaveRider 20 mi stannoo creando una infiammazione sotto la pianta del piede sulla parte esterna vicino alle dita, dopo varie solette ho deciso di cambiare scarpa.
    Sono incuriosito dalle Hoka, anche perchè oltre a questo problema infiammatorio poter salvare le ginocchia e articolazioni non sarebbe male!!
    Pensavo alle Clifton. In commercio si trovano sia le 3 che le 4. Ma anche altri modelli li prendo in considerazione. Non cerco una scarpa da prestazione, ma una che mi permetta di sviluppare il mio allenamento senza affaticamento alla pianta del piede e alle ginocchia. Grazie per i consigli

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Luca,
      Se sei alle tue prime Hoka direi che le Clifton sono una buona scelta, anche dal punto di vista economico. Le infiammazioni sotto la pianta sono sempre delle brutte bestie, quindi il mio consiglio è di rivolgerti a uno specialista. Può darsi che avvengano, com’è successo a me, per il fatto che pianta è troppo costretta dalla scarpa. In questo caso potresti valutare alcuni modelli Hoka che hanno la possibilità della misura Wide, ad esempio le Arahi. in questo senso, con un grande confort ci sono anche le Altra, ma devi essere disposto al drop zero. Spero di esserti stato utile. A presto

  • Andrea6 scrive:

    Ciao Roberto, innanzitutto complimenti per il lavoro che svolgi per noi tutti
    Vengo subito al dunque, sono da sempre un amante della sala pesi ma pure della corsa. Il mio problema è sempre stata la mia struttura, molto muscolosa e pesante (sono 1.75 cm x 90/92 kg con forse 4/5 kg di troppo)
    Ho 50 anni e dopo anni di pesi e moto, mi sono giocato 2 vertebre cervicali e la curva, ma qua nessun problema. 2 anni fa mi è stata diagnosticata pure un ernia L4/L5 che invece a volte mi fa impazzire e mi blocca, ma ora devo, voglio tornare a correre (nulla di che, mi basta tornare a correre 10 km e/o un paio d’ore continuate) un amico mi ha parlato delle Hoka.
    Ho una discreta conoscenza (sono personal trainer) di allenamento e contorno e so che le scarpe non fanno miracoli, i carichi in gioco sono elevatissimi per la mia struttura e le patologie tante e serie (me ho molte altre causate da incidente motociclistico che mi ha devastato il piede dx accorciandolo di 1 cm, allargandolo di 2,5 cm, perdendo tutto l’arco plantare, i 2/3 di estensione ed 1/3 di flessione e lasciandomi un callo osseo molto invasivo) ma la speranza rimane sempre.
    Cosa mi rispondi a proposito? Sono davvero cosi trascendentali? Quale modello mi consiglieresti?
    Saluti

    • Roberto Delfanti scrive:

      Ciao Andrea, come giustamente hai già sottolineato tu le scarpe non fanno miracoli, quindi non so dirti se un modello piuttosto che un altro possa supplire ai tuoi problemi. Fatta questa premessa io mi orientetei sui modelli più ammortizzati, tipo Stinson o le nuove Arahi. Ultimamente Hoka fa anche delle taglie wide, che forse possono aiutarti se hai un piede con la pianta piuttosto larga. Spero di esserti stato utile e che tu possa ritornare a correre! Facci sapere!

Leave a Reply