TOUR de FORCE

KOUFONISSI

By 23 settembre 2014 No Comments
Koufonissi_Ev

Koufonissi: una piccola isola di grande bellezza naturale adatta a chi vuole veramente staccare la spina.Arrivando col traghetto lo capisci fin dal mare che è minuscola, una pietra rara proprio perché di pochi carati, ma brillantissima e pura. Quasi piatta come un foglio carta velina.

003_LQ

 

Lasciate l’auto e abiti eleganti a casa e prendete la vostra valigia più piccola, qualche maglietta, due pantaloncini, un costume da bagno e poco altro… è tutto quello di cui avete bisogno. Nessun noleggio di auto o motorini ma solo di bici, peraltro inutili; un buon numero di affittacamere, studios e piccoli hotel; tre market, di cui il primo anni ’50, la proprietaria primi anni ’30, l’ultima volta che ha spazzato per terra anni ‘80 e la merce invenduta probabilmente la stessa dagli anni ’60; un bancomat; un forno seminascosto in cima ad una scala; qualche negozietto di souvenir , due o tre Kafenion, una finestrella sulla via principale, dove Dimitri vi prepara succosi gyros pita, qualche taverna dove mangiare sempre pesce fresco e la chiesa dedicata ad Agios Georgios.

009_LQ

011_LQ

Questo è quasi tutto quello che troverete a Koufonissi percorrendo le sue poche stradine assolate.

008_LQ

010_lq

Una delle cose migliori su questa isola è che non c’è molto da fare. Qui, avete il diritto di essere pigri, di prendere il vostro tempo e scordare tutte le preoccupazioni. I problemi del giorno sono:su quale spiaggia andare, come arrivarci (a piedi, in barca, o in bicicletta) e dove andare a cena la sera, nient’altro.

013_LQ

Perché nient’altro è quasi esattamente quello che c’è. Nient’altro che il mare.

016_LQ

Con una dimensione di 3,4 km ² e con 400 abitanti, la maggior parte pescatori, Koufonissi è un’isola in miniatura, le sue spiagge si raggiungono facilmente a piedi, per i più pigri c’è un servizio di caicchi a orari prestabiliti che collega il porto con le spiagge e anche con Kato Koufonissi. Kato è la sorella minore, un isoletta semideserta selvaggia per natura con una sola taverna vicino alla chiesetta di Panaghia e una serie di spiagge sabbiose e non, raggiungibili solo a piedi e magari con la compagnia di qualche capretta. L’ombra è quasi inesistente, quindi è consigliabile portarsi un piccolo ombrellone e una buona scorta di acqua.
Le spiagge di Koufonissi si trovano in fila indiana sul lato sinistro del porto guardando il mare, ed è una passeggiata rilassante e splendida di un’ora circa, fra macchia mediterranea bassa di lentisco, corbezzolo, timo e gigli di mare, in mezzo a rocce e terra che variano dal senape tenue al porpora scuro e un mare anche lui di mille colori, grazie alle varietà dei fondali. La prima spiaggia è (Megali Ammos) quella del paese, vicino al porto, vero specchio d’acqua turchese e trasparente, racchiusa fra due o tre file di casette bianche e azzurre.

015_LQ

Uscendo dal paese si dipana una stradina asfaltata che costeggia qualche spiaggetta di ghiaia, diventa poi sterrata e ci porta a Finikas bella spiaggia sabbiosa con taverna e adatta a famiglie con bambini; il sentiero prosegue costeggiando il vecchio camping abbandonato ed eccoci a Fanos, di sabbia fine e dorata, bagnata da un mare color smeraldo con fondali che degradano dolcemente verso il largo. Proseguendo c’è Platia Pounta ( detta anche Italida ) qui la costa è un miscuglio di colori : dune di sabbia finissima, azzurro del cielo, il verde della macchia e il turchese del mare. Alla fine della spiaggia, il sentiero sale leggermente costeggiando una serie di calette e piscine naturali dove il desiderio di tuffarsi è irresistibile, vista la loro bellezza che ti cattura come il canto delle sirene.
Si giunge così a Pori, la più selvaggia e bella per vegetazione, sabbia e colori dell’acqua. Situata in un’ampia baia di sabbia bianchissima con un mare trasparente e cristallino molto amato dai surfisti per le correnti di vento che spesso spirano nella zona. La spiaggia termina sulle imponenti scogliere rocciose di Xilobatis dove si infrangono le onde spinte dal Meltemi (vento da nordest) , e dalle quali la vista spazia verso la costa di Naxos e sulla lontana Donoussa.

006_LQ

Seguendo infine una traccia di sentiero che si inoltra verso sud all’altezza della taverna di Pori, si raggiunge abbastanza agevolmente all’interno di un piccolo cratere, Gala, un’ennesima spettacolare piscina naturale con una spiaggetta di ghiaia , collegata al mare da una grotta cunicolo che viene sommersa in caso di alta marea. Questa è Koufonissi, tutto qua e nient’altro.

Dimenticavo…, tornando a casa dopo la cena da Irene e Georgoula ( Capitan Nicolas), noi che veniamo da dove la luce delle stelle l’hanno ormai ingoiata le mille insegne luminose, alzando gli occhi al cielo rimaniamo letteralmente storditi dalla meravigliosa visione della Via Lattea che risplende nel cielo luminosissima , come non la vedevamo da anni e che ci fa provare la strana sensazione che ci basterebbe allungare una mano per poterla toccare.

Alla prima stella cadente che sfreccia nel cielo esprimiamo il nostro desiderio: Kalinicta Koufonissi, l’anno prossimo cercheremo di non mancare.

P.s. : Evitate di andare a Koufonissi a luglio inoltrato, o peggio, ad agosto.

Emilio Delfanti

About Emilio Delfanti

Leave a Reply