01

Grip

Comfort

Stabilità

Traspirabilità

Durabilità

Design

Tappa obbligata questa recensione per me, che sono un fortunato ASICS Frontrunner e che sono un trailer! In questo 2017 fittissimo di novità per la casa nipponica, ASICS ci sforna anche le nuove ASICS GEL-FujiTrabuco 6, l’evoluzione naturale delle 5 e delle 4 con la filosofia tipica della casa del continuo miglioramento volto però a non stravolgere i suoi modelli “cult” fra i quali le ASICS GEL-FujiTrabuco 6 ne fanno parte di diritto. Direi che il test per queste bimbe è stato piuttosto severo, dato che si tratta della mia ultima fatica l’Ecotrail Le Vie di San Francesco ULTRA +, una sgroppata da 200k e 8200 mt di D+ attraverso un percorso fantastico e altamente paesaggistico.

Come sono

Sempre più belle, le GEL-FujiTrabuco 6 , si presentano oar con una tomaia caratterizzata da strati minimi di materiale e saldata in 3D, con una  costruzione senza cuciture che riduce la frizione e lo sfregamento. La suola esterna presenta tacchetti più profondi rispetto alle precedenti versioni per una maggiore trazione, mentre il design leggero ti permette di volare attraverso le montagne, foreste e campi aperti con il massimo comfort.

02 Le iniezioni in Solyte per la stabilità, specifiche per sentieri, creano un’intersuola leggera, con ottime caratteristiche di elasticità e durabilità, mentre il rivestimento del nuovo tallone rende la scarpa molto comoda e resistente. La tomaia rinnovata presenta una rete rinforzata per maggiore flessibilità e il puntale di nuova concezione riduce il peso pur mantenendo lo stesso livello di prestazioni a cui la GEL-FujiTrabuco ci ha abituato. ASICS sintetizza le GEL-FujiTrabuco 6 con questi dati che le caratterizzano bene:

Peso 325 g

Differenziale di 8 mm
Suola specifica per trail running
Suola esterna migliorata
Leggera
Strati minimi
Senza cuciture, saldatura in 3D
Calzabilità ottimizzata
Tomaia migliorata in rete saldata
Respingente sulla punta di nuova concezione
Tasca per lacci nella linguetta

T7E4N_9690_0010298567_FR copy

05

Nel dettaglio mi soffermeri sulla tecnologia che sta dietro a queste scarpe, quindi partendo dalla tomaia, fino ad arrivare alla suola troviamo una serie di brevetti che arricchiscono il tutto di contenuti assolutamente di primo livello:

TOMAIA

  • Mesh upper morbido tessuto traspirante, agevola rapida evaporazione del sudore.
  • Lace Garage sistema di fissaggio dei lacci.
  • Gusseted Tongue impedise ai detriti di penetrare nella scarpa.
  • PGuard Toe Protector protezione frontale.
  • Ortholite ComforDry Sockliner design interno ideato a favorire la comodità nella corsa.

INTERSUOLA

  • Rearfoot Gel cushioning system un gel a base di silicone che protegge la parte posteriore del piede assorbendo gli shock dell’impatto col suolo.
  • Solyte ultraleggera, durevole e comoda nell’assorbire il peso corporeo..
  • Impact Guidance System (IGS) linea ideate per una facile transizione dell’appoggio tallone-piede.

SUOLA

  • Trail Specific Outsole design ideato per corsa trail .
  • Rock Protection Plate inserto rigido nella zona dell’avampiede, protegge dagli urti.
  • ASICS High Abrasion Rubber (AHAR) nella zona del tallone, è in gomma speciale per una miglior resistenza all’abrasione.

03

Come vanno

Bando alle ciance e alla mera tecnica! Le ASICS GEL-FujiTrabuco 6 sono un ulteriore passo avanti nella saga GEL-FujiTrabuco. I tecnici ASICS hanno, a mio parere, colto nel segno privilegiando il livello di comfort del fit e garantendo una scarpa sempre prestante, senza renderla “legnosa”, scusate la metafora. Perché se è vero che la reattività non manca, il punto forte di queste ASICS GEL-FujiTrabuco 6 è di certo la comodità che le rende adatte anche alle lunghissime distanze. Durante i 200k dell’Ecotrail Le Vie di San Francesco ULTRA + ho avuto la possibilità di testarle con ogni tipo di terreno e condizione, dal caldo al freddo delle seconda notte con temperature vicino agli 0° e non mai avuto alcun tipo di problema. Lodevole poi lo sforzo fatto per ridurre sempre più le cuciture a favore di una termosaldatura che garantisce sfregamenti minimi.

DSCN3266_Mod

Sempre ottima la taschina sopra la linguetta che consente di nasconde e mettere al riparo i lacci, e se proprio devo fare un appunto direi che la linguetta stessa avrebbe forse meritato di avere un passaggio per i lacci, in modo da renderla un filo più stabile, sopratutto per chi come me necessariamente non può stare per 50 ore con le scarpe chiuse in maniera ermetica. Sono comunque dettagli trascurabili a fronte di una scarpa che non tradisce mai e si rivela sicura ed efficace anche sul bagnato, anzi anche sul ciotatolato bagnato, oltre che nei sentieri fangosi. Ho trovato molto buono il contenimento laterale oltre alle protezioni su tallone e sull’avanpiede che sono in linea con i best-seller del settore. Mi sono piaciute anche le sensazioni che danno di assorbimento delle asperità, oltre che sul tallone anche sull’anteriore, dove tante concorrenti risultano più “secche”. Una scarpa versatile quindi, comoda e che con i suoi 325g risulta anche piuttosto leggera data la tipologia di cui fa parte. Il prezzo? 130 Euro, quindi assolutamente concorrenziale rispetto ai contenuti che propone: da provare!

Leave a Reply